Benvenuto, Ospite. Febbraio 23, 2019, 1:55am Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    DIAGNOSTICA    Bacheca di chimica e diagnostica  ›  Analisi UV Moderatori: Adamantio
Utenti presenti
No Members e 2 Ospiti

Analisi UV  (attualmente 2,722 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Cynthia
Ottobre 28, 2012, 12:00am Report to Moderator
Nuovo utente
Posts: 4
Salve a tutti,
ho delle difficoltà con l'interpretazione delle foto UV, perchè ho trovato dei testi su cui sono scritte tesi contrastanti riguardo la fluorescenza
dei colori. Per esempio per quanto riguarda l'azzurrite, in un articolo c'è scritto che non produce alcuna fluorescenza, invece in altri testi c'è
scritto che ha una fluorescenza blu scuro, e la cosa che più mi preoccupa è che nel mio dipinto (si tratta di una tempera), nelle zone
analizzate con il Raman in cui c'è azzurrite, appare di colore rosa.
Help!!!


Cynthia Angelini
Registrato Offline
Adamantio
Gennaio 15, 2013, 11:41am Report to Moderator
Dottore in Chimica - Consulente Restauro
Posts: 933
Location: Torino e Aramengo (AT)
La questione della fluorescenza UV dei pigmenti può essere piuttosto spinosa e controversa per diversi motivi:

-nomenclatura non sempre chiara: in particolare per gli standard moderni spesso vengono venduti con un certo nome pigmenti che hanno poco o nulla a che vedere con i corrispettivi pigmenti antichi o che sono pesantemente addizionati di additivi

-purezza dei pigmenti: sia di quelli antichi che di quelli moderni. Il pigmento individuato nel dipinto è spesso usato in miscela o contiene impurezze dovute al suo procedimento di produzione. Come già accennato, vale anche per quelli appena acquistati che sono spesso addizionati ad altri materiali meno costosi (ad esempio caolino, solfato di bario, carbonato di calcio, gesso, etc).

-pulizia della luce UV: le luci UV delle comuni lampade di Wood sono in generale poco pure e non si ha una vera "luce nera" ma una luce prevalentemente UV con delle code che vanno a finire nel visibile nella zona blu-viola. Questa luce impura se colpisce una sostanza come l'azzurrite potrebbe dare delle interferenze.

-frequenza della luce UV: alcuni studi sono fatti con un fascio di luce UV con range di frequenza molto ristretto. Questo tipo di studi danno risultati diversi da quelli fatti con UV "generico".

-presenza di sostanze organiche: nel dipinto su tela e tavola sono sicuramente presenti sostanze organiche (moltissime delle quali hanno forti fluorescenze UV). Un tipico esempio che potrebbe essere utile in questo caso è la gommalacca che ha una tipica fluorescenza arancio-rosa. Il fatto che la fluorescenza sembri associata ad un solo pigmento in un dipinto non è garanzia che sia effettivamente così. Bisogna infatti anche considerare effetti legati a puliture "a zona" eseguite eventualmente da restauratori del passato. Una vernice contenente gommalacca potrebbe ad esempio essere stata lasciata nella zona dove c'è l'azzurrite perchè questo pigmento è piuttosto delicato e il restauratore ha preferito girare al largo, oppure potrebbe essere rimasta più intimamente legata a questo pigmento perchè ha in genere granulometria più elevata degli altri o ancora potrebbe far parte di una particolare tecnica pittorica mista (sviluppata perchè usare l'azzurrite è più complesso che usare altri pigmenti) oppure essere il risultato di precedenti interventi di restauro. NB anche per i dipinti murali c'è spesso l'uso di sostanze organiche (soprattutto per blu e verdi) e a causa delle sensibilità dei pigmenti ci sono spesso stati interventi di restauro locali (con aggiunta di sostanze organiche).

Al tutto ciò si aggiunga che la fluorescenze muta nel tempo con il degrado e l'alterazione o con la formazione di patine.

Purtroppo il sistema è più complesso di quanto possa sembrare

Detto tutto questo, bhe, come prova "bruta" puoi provare a prendere un pigmento commerciale di buona qualità (ti consiglio azzurrite della Kremer) e dargli un'occhiata con la tua lampada e poi controllare cosa succede sul tuo dipinto, tenendo sempre presente, comunque, tutte le problematiche enunciate.    


Marco NICOLA
MODERATORE AREA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Conservation Scientist - Diagnosta dei Beni Culturali
Analisi chimiche, chimico-fisiche, petrografiche, biologiche... e ricerche per lo Studio, la Conservazione e il Restauro del Patrimonio Artistico
sito: http://www.adamantionet.com

Registrato Offline
Sito Replica: 1 - 1
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print


Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE