Benvenuto, Ospite. Marzo 21, 2019, 7:22pm Per favore esegui il login o o registrati.
Forum Login
Username: Crea un nuovo Account (nome utente)
Password:     Password dimenticata

Forum Restauro e Conservazione    TEMI GENERALI    Temi generali  ›  Armatura giapponese Moderatori: admin
Utenti presenti
No Members e 6 Ospiti

Armatura giapponese  (attualmente 4,667 viste) Print
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
franco47
Maggio 26, 2013, 11:23am Report to Moderator
Restauro ceramica e armi bianche
Nuovo utente
Posts: 8
Location: Libero professionista
Dovrei ripulire, ma soprattutto consolidare, parti di una armatura giapponese del XVII secolo costituite da lamelle in cuoio bollito (della consistenza del corno) laccate con lacca giapponese (urushi).  Acune di esse hanno parzialmente perso la laccatura, ma ciò non comporta un grave danno perchè la lettura dell'opera non viene sostanzialmente disturbata, ma altre presentano lo strato di lacca sollevato in più punti, in altri crettato, ed a rischio di ulteriori distacchi.
Il mio problema è sostanzialmente quello di riuscire a consolidare le parti che presentano crepe e di riattaccare quelle sollevate. Queste lamino sono fissate sia a pannelli di tessuto, sia libere, agganciate tra loro da fettucce di seta piatte (del tipo utilizzato per rivestire l'impugnatura delle spade. Sono ovviamente, in questo caso, molto fragili). L'urushi non permetterebbe l'uso di solventi polari, ed in particolare di acetone, per la pulizia, e quindi non si dovrebbero neppure utilizzare adesivi come le colle animali ecc. Mi è stato consigliato di usare adesivi vinilici e resine a base di metacrilati, e usare paraloid per il consolidamento del supporto, ma ho letto da qualche parte che anche queste sostanze possono dare problemi. Ho letto anche su un sito credo linkiato al Getty Museum che le colle di pesce, contrariamente a quelle animali, funzionerebbero egregiamente.
I giapponesi restaurano con metodi tradizionali, usando urushi ecc, con tecniche che se non si dedicano anni di apprendimento in loco sono pressoché inutilizzabili da noi, e che comunque sono diffusamente criticate perché tendono a sostituire la laccatura originale con una sostanzialmente nuova: una filosofia di conservazione molto lontana da quella occidentale.
A questo punto mi trovo in un ampasse: cosa posso fare per garantire la sopravvivenza di questo oggetto senza rischiare di danneggiarlo ulteriormente? Qualcuno ha esperienza di restauro di oggetti come questo? o comunque di lacca giapponese?
HELP!!!
Grazie e a presto,
franco47
PS: allego un documento trovato sul web che tratta sinteticamente di questo argomento sul sito http://www.decorative-art-services.co.uk/Article__Use_of_urushi_-_ethics.html



Allegati: restauro_urushi_6001.doc
476 downloads   -   Dimensione: 259.00 KB



Franco Toscani
Registrato Offline
cinnabarin
Maggio 26, 2013, 12:40pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
ciao
bellissimo  e interessantissimo argomento
ti consiglio Marianne Webb Laquer tecnology and conservation, Butterwort Heiemann

è un ottimo libro in cui a ognuna delle operazioni di cui chiedi è dedicato un capitolo...
probabilmente anche in Conservation of Furniture trovi qualcosa, in ogni caso gli esperti europei sulla lacca giapponese fanno riferimento al Victoria and Albert Museum, dove , tra l'altro gli stessi autori del conservation of funiture lavorano e ogni tanto organizzano corsi di Urushi (anche in giappone) , quindi presumo che nei conservation journal di questo museo si possano trovare informazioni in merito.

http://www.vam.ac.uk/content/journals/conservation-journal/autumn-2009-issue-58/

Se trovi altro materiale in rete postalo pure qui, per conoscenza delle persone interessate all'argomento.

qui ti fanno dare una sbirciatina ai contenuti del testo
http://www.amazon.com/Lacquer-Technology-Conservation-Butterworth-Heinemann-Museology/dp/0750644125


http://www.vam.ac.uk/content/a.....-east-asian-lacquer/

http://www.vam.ac.uk/content/a.....using-urushi-gatame/

http://www.nihon-kogeikai.com/TEBIKI-E.html

http://www.scribd.com/doc/58021662/Conservation-of-Furniture







roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 1 - 5
franco47
Maggio 26, 2013, 1:47pm Report to Moderator
Restauro ceramica e armi bianche
Nuovo utente
Posts: 8
Location: Libero professionista
Grazie, Roberto! Cercherò nell'archivio dell'A&V. Il libro della Webb l'avevo già trovato su un reseller di Amazon a 1700 $!! Un pò troppo caro, per me. Ho scritto alla Webb per sapere se ci sono in vista delle ristampe, ma in ogni modo credo che non riuscirò ad averne una copia.
Ho trovato un testo interessante, anche se non risponde alle mie esigenze, che però non so come postare perché su questa schermata non trovo l'icona (mi potresti spiegare come fare?).
So che al Museo di Arte Orientale di Venezia, tempo fa, hanno restaurato una strepitosa armatura: ho conosciuto la restauratrice che si è occupata delle parti in metallo, ma non so niente di eventuali restauri di parti laccate. In Italia, oltre a quel museo, ci sono ricche collezioni allo Stibbert e a Genova: forse hanno avuto anche loro problemi come questo, e se qualcuno legge questa chat.....!
Tempo fa avevo cercato di sistemare un (brutto) fodero di spada laccato usando urushi (ci sono un paio di siti giapponesi on line che vendono tutto il materiale occorrente) ma è stata una impresa disperata ed il risultato improponibile. Fortuna che la saya era mia.
Spero esistano soluzioni "occidentali".

Franco


Franco Toscani
Registrato Offline
Replica: 2 - 5
cinnabarin
Maggio 26, 2013, 3:31pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese
ciao franco
non avevo notato che il testo fosse fuori catalogo, purtroppo le attitudini speculative della finanza hanno raggiunto da tempo anche il commercio di libri fuori catalogo ....c'è da sperare che qualche utente lo metta su scribd o simili. in ogni caso io ce l'ho quel libro ( e non l'ho pagato 1700 dollari LOL) nel suo sito personale l'autrice pare fornire la soluzione per ottenere una copia del libro....http://mariannewebb.com/publications/lacquertechnology-and-conservation

Mi pare d ricordare un numero speciale della rivista progetto restauro con interventi condotti su opere in lacca, e se non ricordo male era stato usato Urushi per finiture e forse anche per consolidamenti. Anche la dick tools in germania fornisce il necessario per l'urushi ma come hai giustamente fatto notare tu, il materiale è solo il primo passo, poi occorre una destrezza e una cautela (è un materiale che può essere molto pericoloso) che si ottengono con anni di pratica.

Se hai i siti dove si acquista il materiale in giappone e puoi mettere i link penso possa essere utile a qualcuno

guarda nel link relativo al libro conservation of furniture da pagina 760 a 770 si tratta della lacca e dei principali problemi di conservazione, anche se sono trattati in modo meno esaustivo che nel testo della Webb. in ogni caso nick Umney è autore di diversi articoli , cerca questo autore legandolo alla parola chiave urushi.

Non ho capito il tuo problema con l'allegare file, in genere invece della schermata di risposta veloce occorre aprire l'editor completo cliccando sul tasto replica al di sotto dei messaggi


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 3 - 5
franco47
Maggio 26, 2013, 5:50pm Report to Moderator
Restauro ceramica e armi bianche
Nuovo utente
Posts: 8
Location: Libero professionista
Ciao Roberto,
ho capito come allegare un altro file, ma è troppo pesante. Lo si può scaricare da: http://www.getty.edu/conservation/publications_resources/pdf_publications/pdf/urushi1.pdf

I siti dove procurarsi materiale per restauro di armi e armature giapponesi sono:
1) Namikawa Heibei: è fornitissimo e bisogna cercare bene nel catalogo. E' una persona molto disponibile anche a dare consigli e spiegazioni.http://www.namikawa-ltd.co.jp/english/index.html
2) Ryujin Sword: ha un discreto assortimento di materiale tessile per restaurare armature. Forse è un pò più caro, ma è in UK, e quindi non ci sono problemi di importazione. http://ryujinswords.com/

Ho già scritto alla Webb, e speriamo  mi dia qualche notizia utile.
Ciao,
Franco


Franco Toscani
Registrato Offline
Replica: 4 - 5
cinnabarin
Maggio 26, 2013, 9:36pm Report to Moderator
restauratore - consiglio direttivo Cesmar 7
Posts: 805
Location: Milano-Varese


roberto bestetti
Registrato Offline
Replica: 5 - 5
1 Pagine 1 Raccommanda Thread
Print

Forum Restauro e Conservazione    TEMI GENERALI    Temi generali  ›  Armatura giapponese

Valutazione del tema
Non esiste attualmente alcuna valutazione
 

Powered by E-Blah Forum Software 10.3.3 © 2001-2008


tine.it



Pubblicazioni

Normativa

Bibliografie

Conservation bibliography

Appuntamenti


    CE