Print Topic - Archive

Forum Restauro e Conservazione  /  Informatica Applicata  /  Un piccolo manifesto
Spedito da: Giancarlo_Buzzanca (Guest), Gennaio 18, 2005, 9:42am
... inaugurare un nuovo "settore" non è mai così semplice. Cosa vuol dire Informatica applicata alla conservazione (documentazione, diagnostica, quello che vogliamo..)  dei Beni Culturali.
In primo luogo rifuggire dalla dittatura degli uomini in camice bianco, misteriosi detentori di un potere di vita e di morte sul computer. Significa tirare fuori il computer da quest'area  di mistero e rendersi conto che non può esistere applicazione concreta se non esiste un intervento diretto del conservatore nel cuore della materia.  Nelle università la formazione di tecnici umanistico/informatici avanza a passi stanchi. Per lo più chi insegna trasferisce la propria esperienza e la conoscenza di questo o quel software per  coprire le ore che il contratto gli assegna... Potremmo discuterne....
Informatica applicata vuol dire anche analizzare e discurtere quella caterva di applicazioni  che leggiamo su riviste, web, brochure..... Dovremmo discuterne....
Spedito da: admin, Gennaio 18, 2005, 9:57am; Replica: 1
Estenderei il "manifesto" a una sintesi di tutte le possibili applicazioni.
Quella che per "troppi" appare ancora una tecnica avveniristica in realtà può considerarsi "pane quotidiano" per gli informatizzati.
Spedito da: Giancarlo_Buzzanca (Guest), Gennaio 18, 2005, 10:03am; Replica: 2
Per l'appunto occorre discuterne.  Non dovrebbe far parte del "manifesto" (ancora manifesti?) ma della vita  di questo torrentello.
Spedito da: Rossella Croce, Gennaio 18, 2005, 10:02pm; Replica: 3
L'argomento mi interessa  molto...ma vi trovo un pò ...''enigmatici''...mi sono persa pregresse discussioni sul vecchio forum? ;) Potete farmi una sintesi un po meno.... sintetica? ;)
Spedito da: Giancarlo_Buzzanca (Guest), Gennaio 19, 2005, 11:59am; Replica: 4
Ma. Ho scelto il termine "manifesto" per caricare un pochino la questione. Bisogna sempre esagerare un pochino se non altro per smuoversi dalla sonnolenza che ci assale,
C'è poco da dire. Ovvero..in un recente passato ho coordinato un Dossier sul Bollettino dell'ICR dedicato alla documentazione  digitale in ambito conservativo. Sarebbe troppo lungo sintetizzare gli interventi ma, credo, quello che è apparso chiaro è la assoluta necessità di usabilità delle applicazioni. Una applicazione utile è quella che è user friendly ed è tagliata sulle esigenze degli utenti. In particolare io sto provando (in molte occasioni) a piegare AutoCAD alle esigenze dei restauratori. Queli risultati? Non spetta a me valutare. Ma credo che comunque sia interessante capire se ci siano spazi di adattabilità  dei software.
Per il momento queste sono solo affermazioni di principio ed io stesso non ho una precisa idea di un filo rosso da tenere in questa sezione del forum. Spero che, forse lasciando da parte i miei inutili manifesti, si possa entrare nel vivo ....
Abbracci
Spedito da: admin, Gennaio 20, 2005, 10:51am; Replica: 5
GianBu (e qui ripesco un vecchio modo di chiamerti in altra sede),
il solo AutoCad non rappresenta certamente la variegata famiglia delle applicazioni informatiche nei BB.CC.
Potresti elencare i vari campi d'applicazione ?

P.S
Un vero admin sà come distribuire il lavoro .. eh eh
Spedito da: Giancarlo_Buzzanca (Guest), Gennaio 20, 2005, 11:23am; Replica: 6
Certo che è così! Citavo AutoCAD che è il mio pane (anzi il mio companatico).
Ma in questa lista occorre aggiungere i Sistemi Informativi Geografici (GIS), i data bases, la modellazioni solide, la  realtà virtuale (cui personalmente sono particolarmente  poco disposto), i vari progetti di digitalizzazione del patrimonio, le schedature conservative nonchè tutta la gamma di applicazioni web-based ...
Ed anche  tutta quella fetta (minima) di persone che tenta di definire  standard nell'uso del digitale? ;D
E i progetti di digitalizzazione dei quali c'è una piccola lista (non esaustiva) di guidelines all'url http://www.minervaeurope.org/guidelines.htm?
Invito a tenere d'occhio il sito Minerva proprio per la documentazione prodotta ed i link con le altre risorse. E' anche un buon osservatorio di quello che si muove nell'amministrazione pubblica. Ogni forma di critita è certamente ben accetta  (prima di accettare il criticante :'()

Insomma AutoCAD è un casus belli ... ma  di casi belli (ah ah ah ah) ce ne sono molti.
Spedito da: admin, Gennaio 20, 2005, 11:33am; Replica: 7
Rossella,
il tema ora appare ... meno enigmatico ... no?
Spedito da: Rossella Croce, Gennaio 20, 2005, 11:45am; Replica: 8
Si, inoltre sono andata a rileggermi i vecchi messaggi.
Ho chiesto informazioni perche, tra le mille cose che faccio, anche io nel mio piccolo sto cercando soluzioni alternative nel settore della grafica per i beni culturali, con particolare attenzione verso le mappature del degrado, ma non posso dire di più perchè è un progetto a lunga scadenza che coinvolge anche altre persone.  ;)
Come ho detto, nel piccolo delle necessita quotidiane di restauratore, niente su larga scala.
Print page generated: Luglio 11, 2020, 12:11am