Print Topic - Archive

Forum Restauro e Conservazione  /  Temi generali  /  solai collaboranti
Spedito da: 233 (Guest), Novembre 17, 2005, 11:26am
Salve a tutti e scusate l'intromissione.
Mi rivolgo a questo forum di esperti per avere informazioni circa le metodologie  da voi attualmente applicate nel caso di recupero di solai in legno e, più specificatamente, di solette collaboranti legno-cls.
Sarei interessato in particolare ai sistemi di connessione, ai vostri pareri riguardo ai sistemi esistenti (a secco o con resine, puntuali o continui).
Lungi da me la volontà di fare pubblicità un tipo di prodotto rispetto ad un'altro; la speranza è di condividere esperienze e capire eventuali necessità progettuali finora non soddisfatte.
Vi ringrazio già da ora per la disponibilità e per gli eventuali contributi di discussione.

Spedito da: admin, Novembre 17, 2005, 3:24pm; Replica: 1
Ti prego, per una maggiore lettura del tuo messagio e per l'inizio di una eventuale discussione di precisare meglio cosa intendi pre sistemi: a secco o con resine, puntuali o continui

Ritengo validi i sistemi che ricorrono a connettori di collegamento (non necessariamente preconfezionati, simili a quelli riportati nell'immagine che allego:

Spedito da: 233 (Guest), Novembre 17, 2005, 3:57pm; Replica: 2
Da altre discussioni con progettisti (più tradizionalisti) vedevo una maggiore propensione per i sistemi di connessione con barre in ferro o in acciaio annegate in resine o malte chimiche poste in fori effettuati nei travi in legno.
Per sistemi "a secco" mi riferisco a quelle connessioni che vengono avvitate, incastrate o incassate nel legno (tramite semplici tirafondi, grazie a particolari fresature ecc...)
Mi è stato spiegato che i sistemi tipo quello evidenziato nel suo disegno vengono chiamati puntuali o puntiformi (in quanto non solidali l'uno all'altro), per differenziarli rispetto a quelli in cui viene fissato un unico binario di lunghezza pari a quella del solaio (quindi da muro a muro).
Su tante riviste noto che la connessione mediante barre e resina chimica è quella più utilizzata. Vorrei confrontarmi con voi sui pregi ed i difetti di tutti questi sistemi e conoscere quali sono i requisiti che un progettista richiede ad un sistema di connessione.
Spedito da: admin, Novembre 17, 2005, 4:35pm; Replica: 3
La scelta nel dettaglio dipende dalla raffinatezza richiesta all'intervento.
La cosa importante in primo luogo è creare il collegamento.

In relazione alle sollecitazioni, alla disponibilità economica ed al valore del solaio si possono eseguire scelte che priviligiano connettori pre-confezionati costruiti con acciai inox e posti in opera con resine; il tutto al fine di non indurre nel legno tensionamenti dovuti all'eventuale ossidazione dei ferri.

La scelta fra puntiforme e continuo sarà conseguente alle "reali" sollecitazioni che il solaio, una vota consolidato, andrà a contrastare.
Print page generated: Maggio 15, 2021, 3:21am