Print Topic - Archive

Forum Restauro e Conservazione  /  Restauro ligneo  /  consolidamento cornice
Spedito da: samy, Dicembre 19, 2005, 7:23pm
ciao,
ho una domanda se e` possibile. per consoliadare una cornice, perche` e` meglio usare il primal anzi che la colla...
Spedito da: artistvega, Gennaio 30, 2006, 9:47pm; Replica: 1
che devi consolidare? solo il legno? l'acril AC33, che sarebbe il nuovo primal dato che quello non si usa più, è più adatto a consolidare perchè è più fluida mentre la  colla non penetrerebbe in profondità a causa della sua viscosità maggiore di quella dell'acril.
Spedito da: samy, Gennaio 30, 2006, 11:07pm; Replica: 2
grazie... non dovevo consolidare niente, era solo una curiosita`. era una domanda ad un esame e non ero sicuro della risposta.

grazie
Spedito da: caty, Giugno 25, 2007, 12:11pm; Replica: 3
Ciao,
Io ho sempre o quasi sempre consolidato il legno con le colla animale e in ultima analisi , quando il degrado è totale con Paraloid, il Prilal lo uso per le stuccature sui marmi insieme al grassello alla polvere di marmo e alla calce. allora meglio il Primal per il legno?
Spedito da: eadg, Giugno 25, 2007, 9:11pm; Replica: 4
primal per il consolidamento del legno? mai sentito! dubito che sia efficace.

La domanda di samyr è estremamente generica, per cornice cosa si intende, il legno, la preparazione, l'intonaco di gesso, da doratura, la laccatura o cos'altro ancora? E poi per colla cosa si intende?

Intuisco che dietro alla generica domanda ci sia un tema molto interessante, ma chiedo gentilmente ai restauratori (soprattutto i più giovani) che se vogliono risposte precise e pertinenti di formulare domande altrettanto precise.
Spedito da: samy, Giugno 25, 2007, 9:19pm; Replica: 5
piu` che altro pensavo alla preparazione. non penso proprio che il legno si puo` consolidar con il primal...
Spedito da: Rossella Croce, Luglio 20, 2007, 6:20am; Replica: 6
Il primal viene spesso usato per il consolidamento corticale delle sculture policrome o dorate, cornici ed affini. (e sottolineo corticale). In alcuni casi viene utilizzato anche per blandi consolidamenti superficiali, anche se personalmente non lo condivido molto.
Non mi risulta venga abitualmente utilizzato per il consolidamento del legno, inteso come consolidante per il materiale costituente o strutturale.
D'altra parte, non mi risulta neanche che sia un buon sistema utilizzare a questo scopo la colla animale....
Riguardo alla domanda del tuo insegnante, penso che la risposta che voleva sentire potrebbe essere che, nei casi in cui lo  strato decorativo da consolidare sia sensibile a temperatura, calore o ph  sia meglio utilizzare il primal.
Altra possibilita' e' che volesse una comparazione tra la dimensione delle diverse molecole e sulla loro differente capacita' di penetrazione nel substrato, a parita' di temperatura. In ultimo forse si riferiva alla diversa capacita' adesiva a pari diluizione, alla pellicolazione o reticolazione nel tempo,  o all'ingiallimento.
La domanda, pero', posta cosi', non e' sufficientemente esaustiva per supporre delle risposte.
In che contesto è stata formulata?

Spedito da: novella_cuaz, Luglio 23, 2007, 7:08am; Replica: 7
buongiorno,
mi intrometto brevemente per suggerire due materiali che io uso da tempo, il primo è la colla alifatica weldwood, americana, decisamente migliore dell'acrilica e la seconda è la regalrez, anche lei alifatica.
per il consolidamento strutturale ho ottenuto ottimi risultati, se si ha bisogno di più solidità  purtroppo ancora nulla sostituisce il paraloid, dico purtroppo per i problemi di brillantezza e di scurimento del legno.

ciao a tutti
Spedito da: modicafabi, Agosto 5, 2007, 12:13pm; Replica: 8
Ciao a tutti. Personalmente ho sempre consolidato il legno con Paraloid B72, perchè anche a bassissime percentuali (3-4%) soprattutto nelle prime applicazioni, e il prodotto che più mi garantisce il consolidamento e una maggiore penetrazione in profondità . Neanch'io condivido molto il primal, se non miscelato alle malte idrauliche per consolidamenti dei substrati pittorici dei dipinti murali e degli intonaci, in quanto a basse percentuali di diluizione non consolida efficacemente neanche gli strati superficiali, a percentuali lievemente più alte resta in superficie creando fastidiose pellicole. In quanto alla colla animale, che io uso spesso per il consolidamento delle decorazioni a rilievo in pastiglia delle cornici, ritengo che in questi casi funzioni molto bene, anche in termini di compatibilità . L'unica controindicazione è che questa, come tutti i prodotti organici tenda a deteriorarsi e a fungere da terreno di coltura per microrganismi. Forse è quello che voleva sentirsi rispondere il prof..
Spedito da: oro, Marzo 1, 2008, 8:37pm; Replica: 9
Buonasera,se la struttura lignea di una cornice appare vistosamente compromessa,si può ricorrere al Paraloid B 72,oppure come facevano i vecchi maestri di bottega,adoperavano della colla cervione molto calda che facevano con vistose pennellate,penetrare in profondità.Per il consolidamento della pellicola dorata,escluderei il Paraloid che altera la brillantezza della doratura.Se le scaglie sono spesse,consiglio di inserire con una siringa o una spatola della colla vinilica allungata con pochissima acqua.Proteggere la doratura con della vernice alcolica trasparente, e cera vergine d'api.

Cordialità
Loredana Rizzo (restauratrice)
Spedito da: P.Paolo Masoni, Marzo 5, 2008, 5:18pm; Replica: 10
non capisco perchè non si prenda in considerazione quello che è il metodo antico di consolidamento: l'olio di lino cotto.
a parer mio è ancora e quasi sempre il migliore: a differenza del paraloid, che in definitiva è un plastificante, non altera la traspirazione; ha un grande potere di penetrazione che se si vuole si può accentuare con l'aggiunta di un veicolo (per esempio acquaragia), oppure usato crudo, non essendo iniziato il processo di polimerizzazione, le sue molecole sono molto più piccole e la sua fluidità maggiore. se si vuole una essicazione rapida basta mescolarvi un essicativo (oggi si usa per lo più il sale di cobalto); oppure usato con tecnica mista: la prima impregnazione col crudo, le successive con quello cotto.
in certe occasioni di degrado spinto e per consolidamenti forti può essere usata anche la resina epossidica.
pierpaolomasoni
Print page generated: Giugno 16, 2021, 5:32pm