Print Topic - Archive

Forum Restauro e Conservazione  /  Materiali lapidei naturali ed artificiali  /  Velatura su materiale lapideo
Spedito da: Elena Annerilla, Aprile 14, 2007, 3:13pm
Buongiorno a tutti, ho iniziato un restauro di una facciata inizio '900 con delle parti dipinte e delle parti in lapideo. Il mio problema è che le parti in lapideo ( bugnato e colonne) che sono di un' impasto con scaglie di marmo, pozzolana e credo calce ( non ho l'analisi chimica ) dopo la pulitura, l'anti muschi e licheni e il consolidamento con il silicato d'etile si presentano in alcuni punti con il colore originale mentre alcuni punti, quelli più esposti alle intemperie, si presentano dilavati, volevo uniformare un pò con delle velature. Che materiale mi consigliate? Io pensavo di utilizzare i silicati con le terre naturali. Cosa ne pensate?
Grazie!
Elena Annerilla  Restauro dipinti murali
Spedito da: admin, Aprile 20, 2007, 8:06am; Replica: 1
Dopo la pulitura non è raro trovarsi di fronte a questo problema.
In questi casi molti ricorrono ad opere mimetiche tramite velature.
Il problema tecnico, a mio parere, consiste da un lato nel riuscire ad ottenere un colore idoneo (essendo il mezzo solvente incolore, il colore effettivo si manifesta solo dopo l'esecuzione il trattamento), dall'altro lato nella durata della velatura.
Spesso, infatti, la velatura si dilava rapidamente.
In presenza di zone dilavate, sarebbe preferibile limitare gli effetti delle opere di pulitura senza spingersi oltre il dovuto (vedi il principio del minimo intervento).
Spedito da: Elena Annerilla, Aprile 20, 2007, 9:38pm; Replica: 2
Capisco benissimo il principio del minimo intervento e ne sono pienamente d'accordo, ma non lo sono i proprietari dell'immobile da restaurare proverò a convincerli nuovamente. Grazie .



Elena Annerilla
Print page generated: Ottobre 18, 2019, 10:44pm