Print Topic - Archive

Forum Restauro e Conservazione  /  Fenomeni di umidita' e danni da sali  /  umidità: intevenire dall'esterno
Spedito da: sandrogalant, Settembre 1, 2007, 2:50pm
Salve e grazie per aver accettato l'iscrizione.

Vivo in un locale p.terra (in una palazzina) di circa 25 mq. con pareti in tufo spesse circa 30 cm. L'umidità di risalita si è estesa soprattutto attraverso le pareti più vicine all'esterno. Sulla parete che affaccia all'esterno c'è una finestra che da' in un piccolo atrio. Le pareti che circondano l'atrio sono anch'esse in tufo e il loro intonaco cade del tutto (in quanto la loro parte interna e isolata con piastrelle), ed inoltre anche il pavimento è piastrellato.
Ho pensato che lasciare il tufo esterno a vista trattato con vernice per tufo o malta a base di calce idraulica e usare del cotto per il pavimento, possa proteggere le pareti dalle fluenti pioggie invernali e facilitare l'evaporazione attraverso una pavimentazione di cotto.

???

ALessandro Galantucci
Spedito da: admin, Settembre 8, 2007, 2:41pm; Replica: 1
L'umidità di risalita merita uno studio più approfondito.
Levare le piatrelle di rivestimento ed utilizzare un intonaco di calce è un intervento utile (escluderei la generica "vernice per tufo") ma non risolutivo.
Rifletterei anche sull'utilizzo del cotto su sottofondi umidi.

Ti consiglio di rivolgerti ad un professionista del settore.
Spedito da: laura80, Gennaio 24, 2008, 1:13am; Replica: 2
Ricordo in proposito una lezione di chimica del restauro.
Per risolvere un problema di umidità di risalita sulle pareti esterne (ma non sul tufo) venne realizzato un solco tutt'attorno il perimetro dell'edificio, tolta la terra e riempito con ciottoli, che hanno permesso la fuoriuscita dell'umidità, deviandone il percorso.
L'acqua vuole uscire il prima possibile, quindi in quel caso è stata creata una via di fuga che l'umidità poteva incontrare prima di risalire sulle pareti.
Potrebbe aiutarti Alessandro se si trattasse di umidità che risale dalle fondamenta.

Spedito da: Edgardo Pinto Guerra, Marzo 21, 2009, 12:41pm; Replica: 3
Cio che e stato eseguito e un cosiddetto "scannafosso". E comunque una ottima pratica per allontanare l'acqua dalle pareti, sopratutto nel caso, prima, ci fosse acqua stagnante contro le pareti stesse.
Molte volte viene detto che la superficie di muro esposta entro lo scannafosso sia sufficiente a far evaporare piu acqua di quanta risalga e percio il muro verra mantento asciutto. A me sembra difficile in quanto la superficie evaporante di muro esposta nello scannafosso potra essere al massimo alta 40-50cm dando percio circa mezzo metro quadro per metro lineare di muro/scannafosso. E quanto puo una superficie cosi evaporare??
Peggio ancora, piu funziona, cioe piu acqua con sali in risalita evapora, piu si formeranno cristalli entro la superficie: questi la degraderanno velocemente. Avremo un muro parzialmente asciugato che si distrugge alla base! Quindi, molto consigliabile rivestire la superficie evaporante con un intonaco macroporoso che, si sa, sara di sacrificio. Ricordo che il muro sotto una vera barriera dovrebbe essere impermeabilizzato proprio per evitare distruzioni .
Print page generated: Aprile 20, 2021, 2:35pm