Print Topic - Archive

Forum Restauro e Conservazione  /  Materiali lapidei naturali ed artificiali  /  consolidanti
Spedito da: caty, Gennaio 21, 2008, 7:23pm
Salve,
Vorrei delle informazioni in merito ai vari consolidanti, il silicato di etile va bene per i calcarei e i tufi, e poi non so quale va bene per i marni ecc.........Vi ringrazio anticipatamente
Spedito da: admin, Gennaio 21, 2008, 8:00pm; Replica: 1
Caterina,
la sua domanda è talmente generica da non consentire una risposta circostanziata.


Spedito da: caty, Gennaio 22, 2008, 6:52pm; Replica: 2
Ok cercherò di essere più chiara.
Il Primal viene usato per consolidare, ma in particolare per quale tipo di roccia è indicato?
Il Paraloid anch'esso per consolidare ma in particolare?
Il silicato di etile ho studiato che va bene per i tufi, e le rocce calcaree, ma soltanto per loro?
La mia domanda è : se ad ogni tipo di roccia vi è un consolidante appropiato dato che ognuno di essi ha composizione chimica diversa, e se usato impropriamente su un determinata roccia crea problemi.

Grazie
Spedito da: admin, Gennaio 22, 2008, 9:13pm; Replica: 3
Sono 3 distinte categorie di prodotto:

Il Primal è la denominazione commerciale di una dispersione acquosa di resina acrilica pura che viene utilizzata come legante e/o adesivo per cariche inerti e per pigmenti o come additivo per malte al fine di per conferirne una maggiore resistenza. Il Primal forma un film trasparente, resistente all'ingiallimento e ai raggi U.V.

Il Paraloid (nella formulazione più diffusa che riporta la siglaB 72) ovvero la denominazione commerciale di un copolimero a base di metacrilato di etile e metacrilato di metile solubile in solventi idrocarburi (toluene, xilene ecc.) e in alcool etilico. In genere viene utilizzato come consolidante per legno, consolidante delle pitture murali, per la preparazione di vernici, come legante per il ritocco, impregnante di materiali porosi (non esposposti alle intemperie), protettivo per la superficie dei metalli.

Per silicato di etile s’intende un prodotto consolidante a base di estere etilico dell’acido silicico.
Trattasi di una sostanza inorganica utilizzata come  consolidante o pre-consolidante per  materiali lapidei (malte, intonaci, cotti, stucchi, ecc.) Il prodotto, applicato nei materiale da consolidare reagisce sia con l'umiditè   presente nel supporto che con l'umiditè   dell'aria dando origine ad un gel di silice. La silice prodotta dal deposito funge da legante “inorganico” atto a consolidare i materiali degradati.
Il reticolo di molecole di silice che si genera all'interno dei pori, infatti, aumenta le proprietè   meccaniche della superficie trattata, ne riduce la porositè   senza occludere i pori e senza alterare sensibilmente l'aspetto della superficie stessa.
Spedito da: caty, Gennaio 23, 2008, 3:45pm; Replica: 4
Grazie,
Sign. Tinè, è stato molto chiaro.
Spedito da: maxxx, Marzo 13, 2008, 9:37am; Replica: 5
Salve volevo sapere se la malta "Albaria" esiste ancora e se  è un buon prodotto!
grazie.
Print page generated: Novembre 25, 2020, 12:12pm