Print Topic - Archive

Forum Restauro e Conservazione  /  Temi generali  /  SALVA LA LIBERA PROFESSIONE
Spedito da: Fabrilucci, Novembre 19, 2008, 4:22pm
Sono un ingengere e come molti di voi faccio il libero professionista. In questi giorni ho folrmulato una petizione sul sito FIRMIAMO.IT, cat. GIUSTIZIA..., dal titolo "SALVA LA LIBERA PROFESSIONE".

Ritengo che sia una iniziativa utile per riprendersi la dignità del lavoro che svolgiamo, agronomi, geometri, geologi, architetti,ingengeri, periti, ecc.
Di seguito inserisco il link per poter dare la propria adesione e il testo della petizione.
Grazie a tutti.

http://www.firmiamo.it/tutelaperilliberoprofessionista

TESTO
Per tutti i liberi professionisti, affinchè la libera professione riprenda la sua dignità e, sopratutto, siano rispettati i diritti di tutti coloro che con questa attività vivono onestamente.


Queste sono le proposte:

1) prima dello svolgimento di un incarico deve essere firmato tra le parti, un contratto o lettera d'incarico in cui siano specificate tutte le prestazioni richieste, i compensi totali e/o parziali, con scadenza specificata;
------------------------------------------------------
2) a presentazione di ogni pratica (D.I.A., Super D.I.A., richiesta di concessione, perizia, consulenza, ecc.), agli uffici competenti (Comune, Municipio, Dipartimento, tribunale, ecc.), deve essere allegato il contratto o lettera d'incarico, stipulato tra professionista e committente;
------------------------------------------------------
3) la pratica presentata deve essere corredata degli estremi del bonifico bancario a saldo della prestazione parziale o totale, secondo gli accordi stipulati. Tali estremi devono essere allegati alla pratica e ne fanno parte integrante;
------------------------------------------------------
4) Il professionista deve dimostrare di essere possessore di partita IVA o comunque di non avere altro impiego incompatibile con la libera professione e/o con l'incarico affidato;
------------------------------------------------------
5) al rilascio delle relazioni, e/o perizie, e/o consulenze, e/o elaborati progettuali, da depositare presso gli uffici competenti, deve essere allegata la dimostrazione di saldo del libero professionista, mediante attestazione di bonifico bancario, pena il mancato rilascio di: concessioni, agibilità, abitabilità, permessi, pareri, ecc.;
----------------------------------------------------
6) qualora siano stati stabiliti pagamenti secondo scadenze e questi non vengano rispettati, il professionista ha la facoltà di bloccare il lavoro, e/o i lavori, e/o le progettazioni con semplice lettera raccomandata al committente a all'ufficio competente;
------------------------------------------------------
7) il mancato rilascio di certificazioni e/o altro documento attestante la legittimità dell'opera o del lavoro commissionato, vincola quest'ultima ad ogni tipo di trasferimento;
------------------------------------------------------
8) qualora il committente a qualsiasi punto dello svolgimento della pratica e/o dei lavori risulti sempre debitore, trascorsi 60 giorni il professionista ha la facoltà di emettere fattura con IVA e reddito differiti all'incasso, e può procedere all'ingiunzione di pagamento con eventuale verifica all'ordine professionale a spese e a cura del committente;
------------------------------------------------------
9) ogni professionista che subentri ad altro, deve darne a quest'ultimo comunicazione con lettera raccomandata e dovrà legittimare la sua posizione presso gli uffici competenti, presentando lettera di manleva del precedente incaricato, pena la sospensione della pratica.

PASSA PAROLA
Spedito da: Fabrilucci, Novembre 28, 2008, 2:47pm; Replica: 1
Per chi è d'accordo con me, è importante che una volta effettuata la firma si risponda alla mail di conferma del sito, altrimenti questa viene cestinata.
Grazie
Spedito da: Fabrilucci, Dicembre 2, 2008, 4:15pm; Replica: 2
Rispondo a chi teme che con la mia petizione si aumenti la il peso della pratica burocratica.

Innanzi tutto il blocco di documentazione potrà essere incrementato al massimo di una decina di fogli, e l'amministrazione pubblica non dovrà fare nulla di particolare se non è chiamata in causa (come d'latronde anche oggi). La consegna della documentazione avverrà sempre tramite il tecnico incaricato il quale sarà garante egli stesso di quello che consegna. E' ovvio che se lui non è stato pagato secondo quanto previsto, non completerà la pratica amministrativa. Stop!
Le modalità, il quantum e le scadenze sono a discrezione degli interessati.
Spedito da: Fabrilucci, Dicembre 5, 2008, 2:44pm; Replica: 3
QUESTO E' IL PAESE DEI CONTROSENSI .
Ti muovi nei cantieri, senti i liberi professionisti, è un pianto generale, tutti si lamentano perchè lavorano a basso costo e/o non vengono pagati o vengono pagati a babbo morto, molti intraprendono cause che durano minimo 4 anni. Tutti si lamentano degli ordini professionali che sono assenti.
Quando poi intraprendi un'iniziativa, SENZA SCOPO DI LUCRO, per racchiudere queste regole in un unico documento, per fare in modo che ci sia più tutela, che si possa evitare di andare in causa, che il lavoro venga pagato com'è normale, E CHE OVVIAMENTE POTRA' AVERE I SUOI AGGIUSTAMENTI, bene!...Allora non c'è più nessuno, ognuno và per la sua strada.

Il pensiero del giorno:
TUTTI SIAMO STUFI DI COME VANNO LE COSE IN ITALIA, NON SI FA' ALTRO CHE DIRE CHE SIAMO UN POPOLO DI IGNORANTI ED INCIVILI, POI PERO' SE QUALCUNO TI CHIEDE IL PASSO AD UN INCROCIO, PIUTTOSTO RISCHI DI FARE UN TAMPONAMENTO PUR DI NON FARLO PASSARE.

Spedito da: Fabrilucci, Febbraio 3, 2009, 1:59pm; Replica: 4
Ho notato che la visibilità di questo post è stata alta, ma non altrettanto le firme sulla petizione.
E' molto difficile far accettare un documento unico a salvaguardia di tutti i tecnici professionisti? Perchè oltre alle parole non si cerca di fare qualche fatto concreto? Cosa c'è che limita la Vostra firma? Perchè non uscire allo scoperto?
alcuni dicono: "Non può funzionare..." - MA SE NON PROVI NON LO SAPRAI MAI!
Datevi da fare, cerchiamo di cambiare qualcosa per avere un paese più civile.
Grazie
Spedito da: Fabrilucci, Febbraio 4, 2009, 3:24pm; Replica: 5
A chi mi chiede come intendo procedere.

Le firme dovranno essere un minimo di 500, per poter fare delle proposte legislative, ovviamente più sono e più è grande la forza di poter portare avanti l'iniziativa.
Ho intenzione di presentare la proposta con le firme al ministero degli interni e dell'economia. Si potrebbero anche seguire altre strade, separatamente o parallelamente, ovviamente molto dipende dal numero delle adesioni.
Spedito da: Fabrilucci, Febbraio 20, 2009, 11:51am; Replica: 6
Secondo Voi cosa bisogna fare se su un vostro lavoro viene sostituita la vostra testatina con quella di un altro tecnico?
Spedito da: Fabrilucci, Marzo 27, 2009, 6:24pm; Replica: 7
Abbiamo raggiunto 200 firme
Spedito da: Fabrilucci, Maggio 6, 2009, 5:57pm; Replica: 8
MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE
DECRETO 26 marzo 2009
(GU n. 96 del 27-4-2009 )
Ha finalmente dato la possibilità di emettere fattura con IVA differita all'incasso.
(il p.to 8 della petizione quindi, è stato esaudito)
Spedito da: Fabrilucci, Ottobre 15, 2009, 2:22pm; Replica: 9
Inserisco un nuovo link che mi sembra funzioni meglio.
Grazie

http://www.petizionionline.it/petizione/salva-la-libera-professione/96
Spedito da: Fabrilucci, Ottobre 20, 2009, 1:52pm; Replica: 10
BENE! ABBIAMO RAGGIUNTO 251 FIRME (235+16).


Grazie a tutti
Print page generated: Settembre 15, 2019, 8:59pm