Print Topic - Archive

Forum Restauro e Conservazione  /  Architettura  /  Consigli per un ingegnere
Spedito da: Huygens, Dicembre 18, 2008, 12:53pm
Mi sono laureato in ingegneria civile dal 2006 e da un anno lavoor in uno studio di ingegneria strutturale. Ho maturato un grande interesse nel restauro e la conservazione dei beni architettonici ma non so come mettere in pratica questo amore per l'arte. Avevo pensato a master o scuole di specializzazione ma le prospettive di lavoro mi sembravano piuttosto fatue, allora decisi di mettermi "a bottega" presso lo studio dove attualmente mi trovo...tuttavia sto facendo pratica solamente di strutture nuove (calcestruzzo e acciaio) e poco altro. Pensavo ora di iscrivermi alla triennale di architettura dal prossimo anno e fare una seconda laurea piu vicina ai miei interessi o addirittura a un dottorato, ma sono molto dubbioso, mi sembra di girare in tondo. Qualcuno sa darmi dei consigli magari partendo da una situazione simile alla mia? Grazie a coloro che mi risponderanno.
Spedito da: admin, Dicembre 18, 2008, 4:16pm; Replica: 1
La via pił rapida consiste nel trovare una idonea "bottega".
Spedito da: Vladimir, Dicembre 19, 2008, 8:53pm; Replica: 2
premetto che non sono un tecnico ma ho diversi anni di esperienza di cantieri,l' ultimo molto grande ed importante e ancora in fase di ultimazione.Da piccolo restauratore ma grande amante dell' antico modo di costruire,pressochč lo stesso fino all' avvento del cemento armato fine '800,posso affermare e testimoniare la violenza architettonica che i restauri moderni impongono a vecchi manufatti, a dispetto della "cultura" attuale che usa parole forti contro i vecchi metodi anni'60 di restauro e dell' uso indiscriminato del cemento.Una critica secondo me ipocrita visto il massiccio uso che se ne fa tutt' oggi anche in casi in cui si potrebbe evitare.Ecco il mio consiglio,visto che la statica vale sia per le piramidi che per un grattacielo di New York, quindi le basi sono sempre quelle, a fare la differenza, soprattutto nel restauro sono le conoscenza e cultura della storia e dei materiali e una certa sensibilitą nell' apprecciarsi a intervenire su un manufatto progettato da altri e che ha subito le trasformazioni del tempo spesso anche dell' Uomo.
Per questo considero Carlo Scarpa un grande personaggio che usava il cemento in modo creativo e trasparente.Certamente frequentare molti corsi aiuta la formazione culturale ma sono convinto che altrettanto importante sia formarsi un gusto conoscendo ad esempio correnti artistiche di ambiti diversi dall' architettura e perchč no, anche curando una propria spiritualitą.
Auguri di Buon Natale a tutti
Spedito da: Edgardo Pinto Guerra, Dicembre 20, 2008, 11:41pm; Replica: 3
Sante parole Vlad/Stefano Impiumi - vero Maestro d'Arte che mostra di conoscere le virtł indispensabili a tale titolo: lavoro - umiltą - spiritualitą.
E Auguri  sinceri anche a te da
Print page generated: Aprile 20, 2021, 2:34pm