Print Topic - Archive

Forum Restauro e Conservazione  /  Restauro metalli  /  restauto portavasi ferro
Spedito da: manuelarizzi, Luglio 20, 2009, 1:53pm
buon pomeriggio a tutti, vi chiedo un consiglio sperando di poter avere risposta, perchè si tratta di una cosa per me molto importante...ho ritrovato dei vecchi portavasi in ferro completamente ricoperti di ruggine ed uno di essi ha anche la base a cui manca un pezzetto nel centro..ora, poichè questi oggetti hanno per me un valore affettivo notevole, avevo pensato di ripulirli completamente dalla ruggine, reintegrare le parti mancanti e riverniciarli a nuovo, ma non so da dove cominciare, in quanto mi occupo solo di restauro della ceramica, il ferro non l'ho mai trattato...vi chiedo aiuto, è davvero importante!
grazie a tutti in anticipo
Spedito da: Dario Taras, Luglio 20, 2009, 6:41pm; Replica: 1
Io solitamente come già detto .....utilizzo o un convertitore di ruggine........oppure preparo una bella vasca con dell'aceto bianco e immergo il tutto lasciando ripossar per una notte ( poi vedi tu il risultato). Successivamente lavo il tutto con acuq corrente....in maniera abbondante e asciugo con una pistola termica.......dò un protettivo nuetro e finisco con una bella mano di cera microstillanina.......per le integrazioni faresti bene a rivolgerti ada un maestro del ferro......sempre che tu non sia capace....Saluti Dario
Spedito da: manuelarizzi, Luglio 21, 2009, 8:05am; Replica: 2
grazie mille Dario!credo a questo punto che mi convenga utilizzare un convertitore di ruggine, perchè anche se cambia colore non mi interessa in quanto devo ricoprire con un'altra pittura, perchè alla fine si tratta di portavasi diciamo così di "rigatteria", non certo di un qualche valore storico-artistico, quindi l'intervento di restauro deve essere essenzialmente estetico.purtroppo non so però come reintegrare la parte mancante...nella ceramica le integrazione si fanno o con una colata di gesso o con volgarissimo DAS, ma nel caso del ferro non ne ho la più pallida idea!!!!se qualcun'altro mi aiutasse anche in tal senso ne sarei veramente veramente grata!
Spedito da: manuelarizzi, Luglio 21, 2009, 1:29pm; Replica: 3
qualcuno ne sa niente?????!!!
Spedito da: adry, Luglio 22, 2009, 8:27am; Replica: 4
,Sono un fabbro, di solito le integrazioni nel ferro sono molto più semplici che nella ceramica.
Il pezzo mancante è forgiato o no?
se non è forgiato basta andare da un pensionato con la saldatrice e farlo ataccare.
se è forgiato deve andare da un fabbro con la forgia accesa tra le 9 del mattino fino a  mezzogiorno e dalle 2 del pomeriggio fino alle 17 se va fuori da questi orari la forgia è spenta e il fabbro non può fare il lavoro.
Per copiare un pezzo forgiato ovviamente serve il modello da cui copiarlo, lo sanno fare tutti è la prima cosa che si insegna agli apprendisti, solitamente lavoretti del genere non vengono neanche fatti pagare.
Sulla pulizia dai una letta a Stambalov o Scott non ho mai letto che parlassero di aceto, sopratutto senza sapere che tipo di lega ferrocarbonio è composto il portavasi ,
mi spiego se la lega proviene da un convertitore Thomas (assenza di silicio) l'aproccio per il restauro è completamebnte diversa  che se provenisse da un LD vabbè sono cose che sanno tutti. come tutti sanno che ci sono otto diverse agressioni da idrossidi se non si specifica quale è non si può certo consigliare niente, sembrerebbe strano usare lo stesso metodo per una corrosione interglanulare e una da correnti galvaniche o una crateiforme.
Scusa per la banalità dell'intervento
Adry
Spedito da: manuelarizzi, Luglio 22, 2009, 10:34am; Replica: 5
beh, ironia a parte sulla banalità dell'intervento, ma in pratica?????nel senso che utilizzando la saldatrice si deve saldare un nuovo pezzo di metallo?mi pare che la parte mancante non sia forgiata, è una base liscia.
per quanto riguarda la corrosione che hanno subito i portavasi, si tratta di oggetti che avranno una 50ina di anni presumibilmente, esposti all'umidità e a tutti gli agenti atmosferici poichè, data la loro natura, erano utilizzati all'esterno. sono quasi completamente ricoperti di ruggine(almeno alla vista la normale ruggine che ricopre tutti gli oggetti che sono a contatto con l'ossigeno dell'aria)..ora, poichè ovviamente non ho intezione di portarli all'università per farli esaminare da uno studioso di metalli, quale potrebbe essere un primo intervento per ripulirli???!!!!grazie sig. fabbro
Spedito da: adry, Luglio 22, 2009, 1:48pm; Replica: 6
Non faccio mai ironia quando parlo di leghe ferrocarbonio.
Se il pezzo è liscio fallo saldare, parlavo di un pensionato in modo da risparmiare qualche euro, ma qualsiasi officina va bene.
Per il ripristino dovrebbe essere sufficente spazzolare accuratamente ma non con mezzi meccanici, pulire con la pompa della bicicletta coaudivata da uno straccio asciutto  lasciarlo per una settimana in casa ma in un posto non umido, poi con cera d'api sciolta in un solvente (trementina o meglio toulene) crristallizare il tutto con un legante es. pece greca non più del 5% spalmare il tutto con l'aiuto di un Phon.
La settimana di attesa serve a stabilizzare le parti della lega a contatto con l'ossigeno.
Questa è la cera protettiva più usata per conservare nei musei le armi bianche,
Se non ti va di fare la cera buoni risultati si ottengono con il fidoil
Confermo. sono banalità che tutti sanno, gli esperti probabilmente queste operazioni le danno per scontate, è un forum di restauro e la tua domanda è praticamente sulla semplice pulizia.
Adry
Spedito da: manuelarizzi, Luglio 22, 2009, 3:54pm; Replica: 7
ah ma dunque sei tu il moderatore della sezione metalli che fa un cernita di quali domande sono interessanti e di quali lo sono meno????se anche la mia domanda riguarda la semplice pulizia non vedo perchè non debba farla, ma soprattutto non vedo chi ti abbia costretto a rispondere, potevi passare oltre e rispondere alle domande intelligenti di tuo interesse. Inoltre la mia affermazione "ironia a parte sulla banalità dell'intervento)si riferiva al fatto che nella risposta che mi hai dato hai praticamente scritto un trattato di metallurgia(di cui andrebbe verificata la bontà perarltro ed io non ne ho le competenze)per poi commentare alla fine"scusa la banalità dell'intervento".
ricorda che chi si loda si sbroda e un pò di sana umiltà non fa male a nessuno.
grazie comunque per le risposte.
ciao
Spedito da: Dario Taras, Luglio 22, 2009, 4:21pm; Replica: 8
Citato da manuelarizzi
ah dunque sei tu il moderatore della sezione metalli che fa una cernita delle domande da fare e di quelle da non fare????anche se la mia è una domanda sulla semplice pulizia non vedo perchè non debba farla e soprattutto non vedo chi ti ha costretto a rispondere, potevi passare oltre e rispondere solo alle domande intelligenti di restauro di tuo interesse.
e comunque la mia affermazione sulla "banalità" si riferiva al fatto che nella risposta hai scritto in pratica un trattato di metallurgia(la cui esattezza peraltro andrebbe verificata da qualcuno che se ne intende, io non ne so nulla quindi per quanto mi riguarda potresti anche aver scritto delle emerite castronerie) per poi alla fine commentare"scusa per la banalità della risposta".
ricorda che chi si loda si sbroda.
grazie comunque delle risposte


quoto manuela...........se noi restauraori o prsunti tali del legno dobbiamo sapere  tutte ste cose ogni qualvolta che ci troviamo ad una serratura montata su un portone....o altra ferramenta....altro che tempi lunghi....da D.L. ci manderebbe via dal cantiere dopo due giorni.....ognuno è specialista del suo settore...certo che secondo me....non bisogna farla tanto complicata....l'informazione    si ma la confusione....questa proprio no.......Saluti Dario
Spedito da: adry, Luglio 22, 2009, 4:59pm; Replica: 9
Guarda che ti stai sbagliando, io non modero e non so niente di niente, solo le pochissime cose note a qualsiasi fabbro, in ogni caso ho la seconda elementare e mi ero iscritto al forum per imparare le tecniche innovative di restauro sui metalli, le cose che so sul trattamento della lega ferrocarbonio oltre ai fabbri le conoscono anche i rigattieri.
mi dispiace aver creato confusione ma se la banale risposta non è corretta sicuramente la censureranno i libri dove puoi reperirla sono elencati nella risposta che ho dato nel topic "letto in ferro antico" Ma tutto sommato ti avevo detto di consultare Stambalov o Scott.
Adry
Spedito da: Dario Taras, Luglio 22, 2009, 5:29pm; Replica: 10
Non sò tu che rigattieri frequenti....ma quellli che conosco io e sono tanti....conoscono....il ferro, la ghisa, il rame elo stagno.....qualcuno si spinge oltre parlando di Zama....ma sono pochi.......Cmq non faccimo polemiche....solo se si potesse essere un pò più chiari nelle risposte, sarebbe cosa gradita......non tutti siamo maestri del ferro e non tutti lo vogliamo diventare....non credi?
Spedito da: adry, Luglio 23, 2009, 8:28am; Replica: 11
Ho scritto rigattieri perché ho appreso da un paio di loro le tecniche di conservazione a cere microcristalline, siccome io non sono molto competente mi avevano affascinato nella trattazione della lega ferro carbonio, sono le uniche persone che hanno parlato con me di acciai, le altre anche con molti titoli si rifiutano di darmi spiegazioni su quella lega probabilmente per il fatto che sono troppo ignorante.
Sarei molto felice di sbagliarmi nel dare delle risposte poiché verrei coretto e di conseguenza inizierei ad imparare qualcosa sulle leghe ferro carbonio.
Mi dispiace di aver creato confusione non era nelle mie intenzioni se la mia risposta non è chiara non ho capito dove. probabilmente è sbagliata, ma a me sembra chiarissima con i testi di supporto per il controllo.
Sono sicurissimo che la risposta che ha dato Dario Taras è molto più esatta e completa, ribadisco mi ero iscritto a questo forum per imparare e con quella risposta ho ottenuto lo scopo infatti quel trattamento non lo avevo mai sentito e da oggi in poi potrò vantarmi di conoscerlo e lo applicherò al posto di quelli sbagliati che ho fatto finora.
Adry
Spedito da: manuelarizzi, Luglio 23, 2009, 8:58am; Replica: 12
mi spiace che si sia creata questa polemica, non era assolutamente nelle mie intenzioni, ho posto solo una semplice domanda, tutto qui.
mi sa che alla fine i portavasi me li compro nuovi, senza farla tanto lunga,ahahaah!scherzo, naturalmente!
comunque proverò con il convertitore di ruggine ho deciso, mi sembra la soluzione più consona, anche perchè devo sovrapitturarli quindi mi basta che lo stato sottostante sia pulito e di colore uniforme.
volevo rispondere ad Adry, per calmare anche la polemica che si è venuta a creare: mi è solo sembrato che la tua affermazione a proposito della banalità dell'intervento fosse poco umile e il fatto che tu abbia la seconda elementare per quanto mi riguarda non fa alcuna differenza, x me puoi avere anche solo l'asilo, ma se sei una persona capace e umile per me guadagni 1000 punti...e non volevo dire assolutamente che i tuoi consigli non fossero validi, ci mancherebbe, anche perchè ho specificato che non ho le competenze x farlo, volevo solo dire che bisogna essere umili e dare spiegazioni semplici e chiare a chi ne sa meno di noi, e questo vale sia per chi ha la 5 elementare sia per chi ha la laurea con lode, per me nono fa alcuna differenza!!!ciao e buona giornata
Spedito da: admin, Luglio 23, 2009, 12:20pm; Replica: 13
Noto con soddisfazione che la polemica è stata chiarita ma, in qualità di moderatore "pro tempore" della sezione e di amministratore del forum, colgo l'occasione per puntualizzare 2 concetti:
1) l'intervento sul portavasi non appartiene alla categoria del restauro.  
Trattandosi di un intervento di ordinaria riparazione ritengo che questo argomento rappresenti una vera e propria forzatura all'interno del nostro forum.
2) lo scopo del forum è quello di consentire lo scambio di pareri e di esperienze fra esperti, professionisti, addetti ai lavori o semplici cultori della materia.
Noto che spesso il forum viene utilizzato solo al fine di spedire richieste di aiuto in merito alla soluzione di piccoli problemi personali che poco interessano gli altri utenti e che non sollecitano in alcun modo il dibattico costruttivo sui temi del restauro e della conservazione.

Mi dispiace che in questa "tirata d'orecchie" sia incappata Manuela (me ne scuso).
Il messaggio non è riferito solo ed esclusivamente a lei ma a tutti coloro che da tempo pubblicano questo genere di richieste.

Grazie per l'attenzione
Spedito da: manuelarizzi, Luglio 23, 2009, 1:07pm; Replica: 14
io comunque credo che un intervento di pulitura e di consolidamento (riferito all'integrazione che andrebbe fatta sul portavasi)possa rientrare nell'ambito del restauro, ma forse sbaglierò!
grazie comunque
Spedito da: Dario Taras, Luglio 23, 2009, 6:46pm; Replica: 15
................Sono sicurissimo che la risposta che ha dato Dario Taras è molto più esatta e completa, ribadisco mi ero iscritto a questo forum per imparare e con quella risposta ho ottenuto lo scopo infatti quel trattamento non lo avevo mai sentito e da oggi in poi potrò vantarmi di conoscerlo e lo applicherò al posto di quelli sbagliati che ho fatto finora.
Sinceramente il tuo scrivere mi sa tanto di presa in giro..........indipendentemente che tu abbia la prima o la superlaurea..........
Io ho solo portato la mia piccola e breve esperienza....poi se qualcuno ne sà più di me....e vi garantisco che sono moltissimi.....fatevi avanti...solo siate chiari..........e con questo chiudo definitivamente il discorso.........
Spedito da: admin, Luglio 24, 2009, 5:53am; Replica: 16
Per chiarie meglio il concetto in settembre invierò una comunicazione tramite mailing list.

Nel frattempo colgo l'occasione della replica di Manuela per tentare di chiarire ultriormente il concetto.

Nel tuo ultimo messaggio (ma anche nel primo) hai usato un termine corretto: integrazione.

Il termine restauro, invece, se riferito ad oggetti di esclusivo valore affettivo o economico mi suona male.
Posso sopportalo sui quotidiani, nelle chiacchere da bar ma non in un forum che ritiene di essere un riferimento per gli operatori del settore.

Ma il vero problema da me sollevato non è soltanto etimologico.
Mi riferisco all'uso del forum come strumento per la ricerca di soluzioni "pronte all'uso".

Alla pagina http://www.forum-restauro.org/moderatori il concetto viene chiarito con la seguente affermazione:

Ogni argomento del forum è moderato da un professionista che lavora nel suo ambito di competenze e che, quindi, possiede gli strumenti culturali per muoversi nel suo specifico settore. Precisiamo tuttavia che i moderatori sono soprattutto coloro che controllano che, all’interno della loro sezione, il dibattito si svolga correttamente e secondo le regole condivise e che non possono né vogliono essere figure capaci di rispondere ad ogni quesito.

Il forum non è il luogo dove consulenti esperti danno risposte ai vari problemi ma vuole porsi come luogo di incontro e di dibattito, come luogo di scambio di informazioni e, soprattutto, come luogo di crescita culturale per i moderatori e per gli utenti.
Spedito da: manuelarizzi, Luglio 24, 2009, 8:26am; Replica: 17
possiamo stare a parlare per ore, ma purtroppo noto che chi è"del settore"è molto restio a dare informazioni a noi poveri comuni mortali, ed è già la seconda volta che mi sento dare su questo forum una risposta analoga, quando chiesi lumi riguardo a dei testi di restauro e mi si rispose di andare a cercare in libreria.
evidentemente sono la persona sbagliata nel posto sbagliato e credo che provvederò alla mia cancellazione dal forum, perchè un forum è anche un modo per informarsi e colmare le proprie lacune(perchè cmunque tengo a precisare, senza stare a farla troppo lunga, che io non sono completamente estranea all'ambito del restauro, perchè mi occupo di restauro di ceramica archeologica)e se ogni volta da una frase deve scaturire una polemica(perchè basta navigare un pò sul forum per vedere che di polemiche ce ne sono molte)preferisco lasciar stare.
saluti
Spedito da: admin, Luglio 24, 2009, 10:29am; Replica: 18
Testo citato
Mi dispiace che in questa "tirata d'orecchie" sia incappata Manuela (me ne scuso).


Evidentemente non ci siamo capiti.
Il problema è più generale ed è sufficiente guardare nelle varie sezioni.

Manuela, invece di minacciare l'uscita dal forum, perchè non ci fornisci un contributto attivo per quanto concerne le ceramiche ? Siamo completamente scoperti.
Spedito da: manuelarizzi, Luglio 24, 2009, 10:33am; Replica: 19
molto volentier
Spedito da: manuelarizzi, Luglio 24, 2009, 2:03pm; Replica: 20
SE POSSO ESSERE UTILE A QUALCUNO, NEL MIO PICCOLO, LO FACCIO DAVVERO VOLENTIERI!!
Print page generated: Settembre 24, 2020, 3:48pm