Print Topic - Archive

Forum Restauro e Conservazione  /  Architettura  /  Direzione lavori su immobile vincolato
Spedito da: carla mc, Agosto 25, 2009, 5:46pm
Ciao a tutti. Sono nuova di questo forum che ho fortunatamente scoperto dopo vari tentativi di ricerca per trovare una risposta ad un dubbio/situazione un pò incresciosa che mi sta capitando. Cercherò di essere più chiara possibile, e scusatemi in anticipo.
In breve, sono stata incaricata della Ddl di un progetto di restauro di un complesso rurale privato vincolato ai sensi sia dell'art. 10 che dell'art. 45 del Dlgs 42/2004. Per una serie di scelte della committenza, questo progetto viene svolto per parti, e quindi per ogni edificio viene istruita una pratica di richiesta di autorizzazione alla soprintendenza e poi il relativo permesso di costruire. In questo modo sono stati affrontati già tre progetti, l'ultimo dei quali su un edificio sottoposto a vincolo monumentale, per il quale abbiamo avuto l'autorizzazione della soprintendenza ed abbiamo istruito il permesso di costruire (che dovremmo avere a giorni). Su questo immobile sono state autorizzate precedentemente delle opere di consolidamento (sottomurazioni) perchè in adiacenza ai lavori di scavo (già iniziati) di un'autorimessa interrata e che farà parte del futuro complesso residenziale.
Per problemi ancora non chiari (pompe di drenaggio dell'acqua non efficienti? ......è successo tre giorni fa), una parte dell'immobile  (quella sottomurata) è scivolata verso lo scavo portandosi dietro tutta la parete perimetrale sud più una parte del tetto e delle pareti est e ovest. Oggi, al rientro delle vacanze, ho fatto il sopralluogo, e constatato lo stato di fatto. A questo punto, cosa devo fare: 1.interrompere i lavori?; 2. attendere il rientro del funzionario della soprintendenza e fissare un sopralluogo con tutti? 3. fare una comunicazione in sovrintendenza di lavori urgenti per il consolidamento di ciò che rimane e che mi pare a rischio di crollo viste le fessurazioni comparse (anche lo strutturista purtroppo non è reperibile)? E infine, visto che l'ufficio tecnico del comune non risponde a chi posso rivolgermi?
Vi ringrazio per le delucidazioni che vorrete darmi. Cordiali saluti,
Spedito da: cecilia, Agosto 25, 2009, 6:59pm; Replica: 1
La cosa importante da fare è avviare gli interventi per metterei in sicurezza l'immobile. Ai sensi dell'art. 27 del D Lvo 42/2004 puoi compiere solo interventi provvisori, quindi puntelli e cose simili (secondo me non si tratta di lavori, ma su qeusto ci sono interpretazioni diverse) dandone immediata comunicazione alla soprintendenza. Se interrompere i lavori devi deciderlo tu in base aglii interventi che dovrai fare: se i nuovi interventi variano sostanzialmente il progetto approvato, sia dal comune che dalla soprintentenza, allora si: dopo aver messo l'immobile in sicurezza devi sospendere i lavori avviando immediatamente il nuovo progetto su cui richiedere le nuove autorizzazioni.
Spedito da: carla mc, Agosto 25, 2009, 7:57pm; Replica: 2
Grazie mille Cecilia per la tua risposta e competenza . Farò così.
Spedito da: carla mc, Agosto 27, 2009, 7:40am; Replica: 3
Citato da cecilia
La cosa importante da fare è avviare gli interventi per metterei in sicurezza l'immobile. Ai sensi dell'art. 27 del D Lvo 42/2004 puoi compiere solo interventi provvisori, quindi puntelli e cose simili (secondo me non si tratta di lavori, ma su qeusto ci sono interpretazioni diverse) dandone immediata comunicazione alla soprintendenza. Se interrompere i lavori devi deciderlo tu in base aglii interventi che dovrai fare: se i nuovi interventi variano sostanzialmente il progetto approvato, sia dal comune che dalla soprintentenza, allora si: dopo aver messo l'immobile in sicurezza devi sospendere i lavori avviando immediatamente il nuovo progetto su cui richiedere le nuove autorizzazioni.


Scusatemi, ma ho un'altra domanda da porvi. Mi sono consultata con l'impresa che si occupa del restauro dell'immobile, la quale mi dice che per ora è impossibile intervenire poichè finchè l'acqua della falda non viene drenata completamente non si possono fare puntellature e murature a sostegno del suolo sottostante poichè si rischia di accelerare ulteriormente il processo delle frane, e siccome è un punto pericoloso, si rischia anche che qulacuno si faccia male. Come si deve èprocedere in questi casi ? Perchè se non si fanno interventi provvisori si richia piano piano il crollo, se si interviene ora subito, si rischia la frana, il crollo e che qualcuno si faccia male.
Si sta anche ventilando l'ipotesi che l'amministrazione comunale dichiari la pericolosità ed emetta un'ordinanza di abbattimento. Cosa questa in totale difformità con la dichiarazione di vincolo mi pare.
Vi ringrazio per le vostre risposte.
Carla
Spedito da: cecilia, Agosto 27, 2009, 3:11pm; Replica: 4
Carla, ti prego di regolarizzare la tua posizione apponendo la firma completa di nome e cognome nel tuo profilo utente, grazie. La firma (congnome incluso) è obbligatoria.
Spedito da: carla mc, Agosto 27, 2009, 3:26pm; Replica: 5
Citato da cecilia
Carla, ti prego di regolarizzare la tua posizione apponendo la firma completa di nome e cognome nel tuo profilo utente, grazie. La firma (congnome incluso) è obbligatoria.


Scusa per la firma, credevo di aver fatto tutto a modo.... e comunque, grazie .
Print page generated: Marzo 8, 2021, 3:49pm