Print Topic - Archive

Forum Restauro e Conservazione  /  Restauro carta  /  Libro con fori di tarlo
Spedito da: Luca de Angelis, Settembre 5, 2009, 12:29pm
Buongiorno a tutti,

Premetto che non sono un esperto di restauro ma solo un amante del libro antico, perciò perdonatemi se non userò termini troppo tecnici. Ho acquistato un libro antico (anno 1847) che tuttavia presenta un problema. Il volume è in più che ottimo stato, la legatura in condizioni eccellenti, le pagine - eccetto delle fioriture dovute al tipo di carta - ottime. Unica pecca, due piccoli fori di tarlo nella parte inferiore del dorso. Le pagine, come detto non sono danneggiate; non ho riscontrato traccia di tarli vivi all'interno. Il danno si presenta, sebbene in piccola entità, nelle sguardie, ovvero tra la parte interiore dei piatti e la prima ed ultima pagina. Il tarlo da quel che ho appurato è entrato da un lato, ha roso leggermente la parte descritta, passando nella parte cava tra il dosso ed il capitello, ed è uscito dall'altro lato. La solidità della legatura non è intaccata, anche se il capitello inferiore è leggermente scollato all'interno, ad opera sempre del tarlo. Volevo avere qualche parere rigardo la possibilità di riparare questo piccolo danno: quale matriale cartaceo utilizzare per la piccola riparazione interna, che tipo di colle sono indicate per questo lavoro, ed inoltre se a parer vostro sia necessaria l'applicazione di un anti-tarlo, onde essere certi dell'eliminazione effettiva della minaccia. Ringrazio in anticipo tutte le persone che saranno così cortesi da rispondere a questo messaggio.
Spedito da: dionea77, Settembre 6, 2009, 1:21pm; Replica: 1
Ciao,
a mio avviso dovresti informarti da dove viene il tuo libro, dove è stato alloggiato e per quanto tempo...ma a quanto pare non dovrebbero più esserci problemi di tarli. per essere sicuri dovresti tenerlo sott'occhio e se vedi ulteriori fori, o tracce di carcasse di tarli, o anche della polverina da erosione, allora procedere con un antitarlo, qualcosa a base di capsicina potrebbe bastare.
per i fori da ricoprire sarebbe sufficiente della carta giapponese di opportuno colore e grammatura con metilcellulosa: si potrebbe creare una pasta bagnando un po' di carta giapponese con la colla e sfilacciarla con un oggetto appuntito (bisturi o lancetta) e con una spatolina prendere questa pappa per chiudere i fori...io di solito faccio così e va più che bene.
Spero di esserti stata di aiuto e di non aver tralasciato qualcosa.

Saluti!
Spedito da: Luca de Angelis, Settembre 6, 2009, 3:02pm; Replica: 2
Citato da dionea77
Ciao,
a mio avviso dovresti informarti da dove viene il tuo libro, dove è stato alloggiato e per quanto tempo...ma a quanto pare non dovrebbero più esserci problemi di tarli. per essere sicuri dovresti tenerlo sott'occhio e se vedi ulteriori fori, o tracce di carcasse di tarli, o anche della polverina da erosione, allora procedere con un antitarlo, qualcosa a base di capsicina potrebbe bastare.
per i fori da ricoprire sarebbe sufficiente della carta giapponese di opportuno colore e grammatura con metilcellulosa: si potrebbe creare una pasta bagnando un po' di carta giapponese con la colla e sfilacciarla con un oggetto appuntito (bisturi o lancetta) e con una spatolina prendere questa pappa per chiudere i fori...io di solito faccio così e va più che bene.
Spero di esserti stata di aiuto e di non aver tralasciato qualcosa.

Saluti!


La ringrazio molto per la gentile risposta. Ho controllato nuovamente il libro, tenendolo lontano dagli altri, ma non c'è alcuna traccia di tarli, nessun rumore di attività all'interno del dorso, né altri buchi o polverina. Sono perciò certo che i tarli non ci siano più da molto tempo. Per il piccolo intervento di riparazione, seguirò attentamente i consigli che mi ha dato. Tuttavia ho due brevi domande. Riguardo la colla, che tipo di metilcellulosa crede sia meglio da applicare, e diluita in quale percentuale d'acqua? Per quanto riguarda invece la carta giapponese, potrebbe cortesemente spiegarmi i diversi tipi di grammatura (ad esempio che grammatura usa lei per degli interventi di questo tipo?). La ringrazio nuovamente.

Saluti,

Luca de Angelis

Spedito da: mila, Settembre 7, 2009, 12:35pm; Replica: 3
Salve
Secondo il mio parere è opportuno non intervenire con nessuna operazione. Osservare solamente se in seguito dovesse intervenire un eventuale attacco da parte degli organismi patogeni. Per quanto riguarda i fori già presenti, secondo il mio parere, non è il caso di integrarli in quanto mi è parso di capire che non vanno a comprommettere la struttura del volume.

Ciao Mila
Spedito da: Luca de Angelis, Settembre 7, 2009, 1:30pm; Replica: 4
Citato da mila
Salve
Secondo il mio parere è opportuno non intervenire con nessuna operazione. Osservare solamente se in seguito dovesse intervenire un eventuale attacco da parte degli organismi patogeni. Per quanto riguarda i fori già presenti, secondo il mio parere, non è il caso di integrarli in quanto mi è parso di capire che non vanno a comprommettere la struttura del volume.

Ciao Mila


Ringrazio anche lei per la risposta. La struttura del volume non è compromessa. Il problema, però, come ho scritto nel mio primo messaggio, è la scollatura del capitello. Non verrei che, aprendo e chiudendo il libro nelle varie letture, la scollatura aumentasse intaccando l'integrità del volume. Idem per le piccole parti rosicchiate dai tarli nella piega tra le sguardie e la prima ed ultima pagina. Per cui ero propenso a rincollare almeno il capitello...

Saluti,

Luca de Angelis
Spedito da: mila, Settembre 10, 2009, 12:37pm; Replica: 5
Benissimo rafforzare solo il capitello a libro montato. I fori di tarlo, in genere di piccole dimensioni, certamente non aumenteranno nel maneggiare il libro.
Angela mila
Print page generated: Febbraio 29, 2020, 10:53am